Borsa lavoro: la nuova frontiera dell’occupazione

Il governo uscente ha cercato diversi escamotage per trovare una soluzione all’alto tasso di disoccupazione in Italia e tra questi, vi sono i progetti di Garanzia Giovani o le cosiddette borse lavoro. Il concetto è più o meno lo stesso in entrambi i casi: sono esperienze lavorative a tempo determinato presso delle aziende private.

I tempi di oggi sono particolarmente difficili, sia per i più giovani che per gli adulti, e trovare un lavoro e inserirsi pare davvero un’impresa titanica. Per questo motivo le varie istituzioni (provinciali, regionali e nazionali) cercano di tutelare questi soggetti; un esempio valido è la borsa lavoro di Bolzano, comune in cui, tra l’altro, è stato registrato il più alto tasso di occupazione giovanile in Italia. L’obiettivo è quello di andare incontro a chi ha perso il proprio lavoro o a chi si addentra per la prima volta in questo difficile mondo, con particolare attenzione a determinate categorie definite svantaggiate.

Le realtà sono diverse: dalle cooperative sociali, alle pro loco, dagli uffici comunali agli studi di commercialisti, etc. In collaborazione con delle aziende preposte, queste realtà danno la possibilità di poter fare esperienza in campo lavorativo attraverso tirocini e/o stage retribuiti; il tutto è destinato a delle particolari categorie di soggetti, di solito studenti o disoccupati, persone invalide o diversamente abili, etc. Come per i progetti di Garanzia Giovani, anche per la borsa lavoro esiste un requisito di età compresa tra i 21 e i 32 anni e non bisogna avere altri contratti lavorativi presso altre aziende.

Le borse lavoro sono vantaggiose per le aziende stesse, in quanto il compenso previsto per i soggetti non viene erogato dalle stesse ma dall’ente che appoggia il progetto: quindi, l’azienda non ha nessuna spesa da sostenere, come invece accade per i dipendenti a tutti gli effetti. In genere, il rapporto lavorativo va da un periodo minimo di due mesi a un massimo di un anno. Una volta terminato il periodo, vi può essere una remota possibilità di una vera e propria assunzione da parte dell’azienda, nonostante nella maggior parte dei casi è davvero difficile che questo accada.

In ogni caso, in un contesto dove il lavoro sembra ormai una chimera e la certezza di un posto fisso non è mai tale, la borsa lavoro risulta essere uno strumento utile al fine di acquisire quell’esperienza lavorativa e quelle competenze che ormai tutte le aziende richiedono per poter iniziare lavorare.

Share this post:

Related Posts

Comments are closed.